Quota 201

Lacrima di Morro D’Alba

Denominazione di Origine Controllata

Lacrima, ma possono essere presenti altri rossi (Sangiovese) non superiori al 15%.

La zona comprende i comuni di Belvedere Ostrense, Monte San Vito, Ostra, San Marcello e Senigallia (con esclusione dei fondi valle che si affacciano sul Mare Adriatico), tutti comunque in Provincia di Ancona.

Si presenta nel bicchiere di colore rosso rubino intenso con notevoli ed evidenti sfumature violacee.

Se consumato giovane (il vino può essere immesso sul mercato già dopo il 15 dicembre), si nota un delicato e caratteristico profumo vinoso, di cantina in fermentazione. Con l’invecchiamento i toni passano invece ad un fruttato-floreale di fragola, ciliegino, more di rovo, mirtilli, viola e violetta.

La struttura è abbastanza corposa e dal gusto asciutto, con un tannino evidente ma mai spigoloso e pungente.

Si abbina molto bene con prodotti tipici locali come i salumi (salame lardellato di Fabriano), primi piatti a base di salse rosse e piatti a base di carni bianche. Contrariamente ad una tendenza diffusa, possiamo accostarlo anche ad alcuni antipasti marinati (ad esempio a base di pesce azzurro) o ad alcuni tipi di brodetto all’anconetana.

© 2016 - S. Piersanti & C snc - Borgo S. Maria n.60 - 60038 San Paolo di Jesi (AN) - P.IVA: 00701720427 - Credits